DI PAOLO PROIETTI - HOME - QUADERNI - CONTATTI - LINK - NEW - MAPPA

Sei qui: Parole ->太極拳  Tai chi chuan e chi kung  

 

Il Respiro dell'Aquila - Grande Circolazione Celeste

Fiore che sboccia

Tigre che scala la piccola montagna

La scimmia coglie la mela sull'albero

La Tigre scala la Montagna Suprema (tai ji tu con le braccia)

altri video sul Canale di Ryunokokyu di You Tube

La “Forma Lunga” o le 108 posizioni.

108 è uno dei numeri che nel Buddismo e nel Taoismo rappresentano un ciclo completo

( i grani del rosario tibetano, ad esempio, sono 108)

 e gli insegnanti cambiano, dividono e moltiplicano le posizioni pur di arrivare a contarne 108.

Ho studiato varie versioni della “Forma Lunga” e non sono mai riuscito ad identificarne più di 35- 40.

Pare che all’inizio del ‘900 le posizioni fossero veramente 108, ma negli anni 30, per rendere popolare il Tai Ch’i si eliminarono i colpi ed i movimenti troppo difficili da eseguire, si scelsero 38 “mosse” o “posizioni”, alcune delle quali venivano ripetute 3,4,5 o più volte.

Spazzolare il ginocchio e colpire con la mano opposta, nelle sue varianti forma destra, forma sinistra, a mano aperta e pugno al pube, in alcuni Tao Lu è ripetuta anche 7 volte.

Indietreggia e respingi la scimmia, nelle varianti forma destra e sinistra,viene ripetuta in media 5 volte

La frusta nelle varianti.

frusta semplice, frusta diagonale e frusta in posizione bassa ( talvolta divisa in due movimenti: frusta e serpente che striscia), viene ripetuta(talvolta divisa in due movimenti:

frusta e serpente che striscia),viene ripetuta 4 volte

 

Secondo LAO TZE l’uomo saggio respira con i talloni.

 Il problema è che non si tratta di una metafora. Capire cosa significa respirare con i Talloni significa fare un grande passo in avanti nella comprensione del Tai Ch’i Chuan.

PRINCIPI FONDAMENTALI DELLA PRATICA DEL TAI CH'I CHUAN

1. RILASSARE IL COLLO  E SOSPENDERE LA TESTA

tecnicamente si tratta di imparare ad usare i muscoli estensori della testa, gli stessi sui quali lavora il metodo ALEXANDER)

2. CONDURRE LO SGUARDO NELLA DIREZIONE DEL CHI si può sostituire con uno dei principi del Teatro NO Giapponese: Gli occhi guardano in avanti   lo spirito guarda indietro)

3. FAR SCENDERE IL PETTO E STIRARE LA SCHIENA (respirando occorre coordinare l’azione dei muscoli dell’Addome, il TAN TIEN,con quella dei muscoli della parte alta della schiena: avremo la sensazione che gli organi genitali si spostino leggermente verso l’ombelico e che le costole si SALDINO agli addominali)

 4.RILASSARE LE SPALLE E FAR SCENDERE I GOMITI (prima di cominciare a praticare la forma dobbiamo percepire la pesantezza delle mani e delle braccia: se non si rilassano le spalle e si tendono i gomiti  LE MANI E LE BRACCIA SEMBRERANNO LEGGERE”)

5.FAR SEDERE I POLSI E STENDERE LE DITA  (a parte i pianisti e qualche danzatore,nessuno percepisce la possibilità del palmo delle mani di muoversi autonomamente dal polso:Allenandosi si è in grado di appiattire il palmo delle mani e stendere le dita lasciando i polsi morbidi e “in linea con l’avambraccio.)

6. SPINGERE IL COCCIGE AVANTI E IN ALTO CON LA MENTE (è difficilissimo. Di solito si contraggono i glutei, sforzando la muscolatura del bacino e della zona lombare. Si tratta invece di “ARRAMPICARSI SULLE GAMBE”abbassando e aprendo contemporaneamete le scapole)

7.RILASSARE LA VITA (Si deve pensare che l’energia salga “a spirale” dalla pianta deipiedi,lungo le gambe e venga poi distribuita nel corpo dalla vita) ALL’INIZIO IL CORPO SARA’ LEGGERO, POI DIVENTERA’ FLESSIBILE, QUANDO SARA’ FLESSIBILE POTRAI COMINCIARE A MUOVERTI, LIBERAMENTE